Rapportarsi con il Cliente

0
361
Rapportarsi con il cliente

Approccio per una Vendita più “Easy” ed Efficace.

Nella nostra epoca il rapporto con il cliente è diventato più amichevole e meno distaccato, questo può essere positivo se lo si sa sfruttare a proprio vantaggio. Ricordate che il primo approccio è quello che può decidere tutta la vendita, perché non è il prodotto stesso la prima cosa ad essere venduta ma siamo noi… Vedo troppi venditori sia giovani ma, soprattutto, con esperienza che, per un motivo o per un altro, sono improntati non a fidelizzare il cliente ma a essere “sbrigativi”. Vogliono concludere in fretta e il risultato è un cliente insoddisfatto e che non verrà più ad acquistare. Oggi è molto facile che un cliente resti offeso, basta anche solamente una semplice incomprensione


aaeaaqaaaaaaaafiaaaajdvlzmm5zmjilwzjmzmtndexns1iogrmltkxnwvhmjaxnmmzyq

Vi riporto un esempio capitato proprio a me, circa un mese fa, in una nota profumeria: entro all’interno del negozio, non faccio in tempo a fare tre passi che avevo già tre commesse addosso. Mi sono sentita un po’ (tanto) il fiato sul collo… Questo non deve mai accadere, ma nella maniera più assoluta! Quando entra una qualsiasi persona in un negozio per un acquisto, fosse anche solo per guardare, non bisogna stargli addosso e lasciargli il proprio spazio. In questo modo si sentirà a proprio agio, un vero e proprio ospite all’interno del punto vendita. Ci sono tre regole fondamentali a cui ho aggiunta la mia esperienza di diversi decenni di vendite:

  1. Sorriso, accogliendolo in questo modo creerete un forte legame ed entrerete così in empatia. Questo vi semplificherà di non poco le cose durante la vendita;
  2. Saluto, non deve mai mancare, anche perché iniziare già un approccio con maleducazione non è proprio il massimo. Non lascarsi influenzare in alcun modo oltre a evitare qualsiasi forma di pregiudizio;
  3. Contatto, una fase molto delicata e che va affinata e continuamente migliorata. Evitate di dire la solita frase “Ha bisogno di aiuto?“, piuttosto, “Posso esserle utile?“, capite la differenza? Non è più il lui ad avere bisogno, ma noi a metterci a sua completa disposizione!

Infine, ricordatevi che sul lavoro non esistono mai le cosiddette “giornate no“, nonostante tutti i problemi privati che ci posso essere, ma sempre e solo “giornate sì“.

Licenza Creative Commons
Rapportarsi con il Cliente di Gabriella Rotondo è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale

948a44cda00ed0947b56e1e2fcf6cf01Gabriella Rotondo – Senior Sales Officer at Conbipel S.p.A.
Sono nata a Torino e lavoro nel settore della moda e del commercio al dettaglio.
Sito web: Conbipel 

1474897330_linkedin_color 1474897509_seo-social-web-network-internet_95
Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here